Education

O'Munaciello

There are many folk figures who nurture the vivid world of Neapolitan fantasy and legends, but a place of honor belongs to the Munaciello.

The Munaciello is one of the spirits of the house, sometimes benevolent, sometimes naughty, depicted as a small monk who sneaks secretly into Neapolitan houses, often to leave money but much more often to cause shame or mishap the poor tenants.

But who is the Munaciello really?   Matilde Serao in his book "Leggende Napoletane" identifies him as a character who really existed under the Aragonese kingdom of Alfonso V, during 1445, a child born of the clandestine love between the daughter of a rich merchant and a shop boy. The small child, born deformed, would have been forced by his mother to go around covered by a habit to hide his horrifying appearance.

Another legend, on the other hand, wants him to be one of the guardians of the wells of Naples, so minature and agile as to be able to slip into all the tunnels of the underground of Naples, enter the houses and have his way with the women.  "It is 'Munaciello!" The married women would say, guilty of some amorous escapade, to justify an unexpected unborn children.

But there are many stories about the Munaciello, and almost all true: in the Pantheon of Neapolitan ghosts, together with the Bella Mbriana, one can say he occupies one of the podiums of the ghosts.

_________________________________________________

Molte sono le figure folkloristiche che alimentano il vivido mondo della fantasia e delle leggende partenopee, ma un posto d’onore spetta al Munaciello.

Il Munaciello è uno degli spiriti della casa, talvolta benevolo talvolta dispettoso, raffigurato come un piccolo monaco che s’intrufola di nascosto nelle case napoletane, spesso per lasciare soldi ma molto più spesso per arrecare sconquasso o fare dispetti ai poveri inquilini.

 Ma chi è realmente il Munaciello?

Matilde Serao nel suo libro “Leggende Napoletane” lo identifica come un personaggio realmente esistito sotto il regno aragonese di Alfonso V, durante il 1445, un bambino frutto dell’amore clandestino tra la figlia di un ricco mercante e un garzone di bottega. Il piccolo bambino, nato deforme, sarebbe stato costretto dalla madre ad andare in giro coperto da un saio per nascondere il suo orripilante aspetto.

Altra leggenda invece, vuole che egli sia uno dei guardiani dei pozzi di Napoli, così minuto e agile da riuscire ad infilarsi in tutti i cunicoli dei sotterranei di Napoli, entrare nelle case ed insidiare le donne che più lo aggradano.

“E’ passato o’ Munaciello!” erano solite dire le donne ammogliate, colpevoli di qualche scappatella amorosa, per giustificare i nascituri inattesi.

Ma di storie sul Munaciello ce ne sono tante, e quasi tutte vere: nel Pantheon dei fantasmi napoletani, assieme alla Bella Mbriana, si può quasi dire che lui occupi il podio degli spiritelli.  

;

Call us at 1-877-597-0013 or 1-305-539-0130                                                                                         
┬ęDiVita Tours  2019 .  All Rights Reserved - Certified Seller of Travel #2137739-70